Allarmante carenza di vitamina D

Allarmante carenza di vitamina D

Solo una piccola parte della popolazione è in regola con i valori della vitamina D. Attraverso il cibo l'importantissima Vitamina D non viene assorbita sufficientemente.

La vitamina D è essenziale per una vita salutare.

Visto che viene prodotta soprattutto attraverso i raggi di sole, viene chiamata anche “l’ormone-solare”. 

È più o meno l’unica vitamina che viene assorbita quasi interamente attraverso la pelle. Solo il 10% di vitamina D viene fornita attraverso il cibo. Ma attenzione. Anche gli abitanti dei paesi del sud, dotati di lunghi periodi soleggiati, dimostrano gravi carenze di vitamina D. Ma perché?

La pelle produce la vitamina D soltanto se il sole sta alto. Almeno un angolo di 45 gradi. Di mattina e nel tardo pomeriggio l'effetto vitamina "D" scompare.  L'angolo si può facilmente controllare stando con le spalle verso il sole. Se l’ombra è della stessa lunghezza del corpo, oppure più corta, allora il sole  produce vitamina D. Se l’ombra è più lunga, l'angolo del sole comporta meno di 45 gradi, il sole è troppo basso e nessuna vitamina D viene assorbita.

Inoltre la vitamina D viene prodotta soltanto se la pelle è scoperta da vestiti. 30 minuti di sole, tre volte alla settimana bastano, però soltanto nel caso che al sole si offra la massima superfice di pelle. 

Un altro fatto del perché di una carenza di vitamina D è che su un corpo trattato con crema solare, l'effetto è praticamente nullo. Già una crema con fattore protettivo di 8 riduce la produzione di vitamina D del 95%.

Chi, se non forse soltanto gli operai che lavorano in strada in estate, i bagnini o i maestri di tennis o i bagnanti nella settimana di ferie si trattengono al sole seminudi? Ma stanno al sole veramente senza adottare prodotti per la protezione solare? E chi si fida si scommettere che il suo valore di vitamina D rientra nel regime minimo? 

Soprattutto bambini e anziani soffrono di carenza di vitamina D. Dai bambini possono emergere deformazioni dal cranio, sulla colonna vertebrale e sulle gambe, chiamate anche rachitismo. Agli adulti una carenza può portare con sé il rammollimento delle ossa e osteoporosi.

Quali ancora sono le conseguenze di carenza di vitamina D?

La vitamina D è la sostanza fondamentale che promuove l’assorbimento del calcio. Questo la rende indispensabile per la formazione di ossa e denti. Quindi senza la vitamina D non si forma abbastanza calcio nelle ossa, portando all’instabilità il tessuto osseo e al pericolo di fratture da caduta.

Oltre ai gravi effetti ossei e muscolari la vitamina D contribuisce alla funzione del sistema immunitario. Un organismo povero di vitamina D è quindi più affetto a infezioni di malattie come il cancro, le malattie autoimmuni e i disturbi cardio vascolari.

Come si può evitare una carenza di vitamina D?

Ci sono tre possibilità per evitare una mancanza di vitamina D: 

  1. assumere vitamina D in forma di preparati medicinali. Il medico potrà consigliare la dose necessaria in rispetto ai valori ricavati da un analisi del sangue. Chi prende alte dosi di vitamina D, deve assolutamente frnirsi di Magnesio e vitamina K2. Una delle fonti di magnesio naturali più potenti sono i semi di zucca (Cucurbita Pepo va. styriaca)

  2. a visita frequente ai solarium per prendere il sole artificiale (mai così sano come il sole naturale all'aria aperta)

  3. prendere il sole naturale regolarmente, possibilmente svestiti, senza crema solare, per un periodo non più di mezzora, ma per un minimo di tre volte alla settimana. 

Visto che l’ultima versione è la forma più consigliabile diamogli un’occhiata da più vicino.

La vitamina D viene prodotta sulla pelle assorbendo i raggi ultravioletti del sole; quindi è importante recarsi al sole il più possibile ma almeno 3 volte alla settimana. Questo basta per coprire in abbondanza la così importante dose di vitamina D, responsabile come nessun altra vitamina, per prevenzione di malattie gravi.

Certamente durante l’estate il sole è molto più efficace che d'inverno. D'inverno la maggior parte della vitamina D viene presa dalle riserve del grasso. Quindi, chi già possiede un basso livello di vitamina D in estate, potrà aspettarsi una forte carenza specialmente delle stagioni più buie. Pertanto già in estate è necessario  trascorrere più tempo possibile all’aria aperta per fare un alto rifornimento di vitamina D.